Parole, racconti, disegni…tutto nasce da un accurato lavoro del dettaglio

Il laboratorio della carta, chiamato anche cartiera, è il luogo di produzione della “carta bambagina”, denominata così perché scoperta dai pezzetti di lana e cotone che si arenavano sui fiumi dove le donne lavavano e strofinavano i panni. Di questo tipo di carta è rimasto l’utilizzo artistico e quello ben più prezioso di costituire il supporto su cui si stampano le banconote.

La selezione degli stracci tagliati e battuti, la macerazione in acqua, la setacciatura in telai di rame, l’asciugatura e la calandratura (appiattisce la rugosità del foglio) sono le fasi consecutive che permettono la creazione del foglio di carta.

Attraverso il laboratorio, si ripercorreranno tutte queste fasi seguendo l’antica tecnica di produzione dei Mastri Cartai che con sapiente precisione racconteranno l’intera storia della carta dal papiro a quella tradizionale che utilizziamo ogni giorno.

Al termine di questa esperienza didattica si diventa dei veri e propri Mastri Cartai ed essere quindi in grado di realizzare in completa autonomia il proprio foglio di carta.